Taping neuromuscolare

il taping neuromuscolare, più comunemente noto come kinesiotaping, trova ampia applicazione in campo fisioterapico negli ultimi anni. È un nastro in cotone, adesivo ed elastico, i cui effetti terapeutici dipendono esclusivamente dalla modalità di applicazione del nastro, che va a migliorare la circolazione sanguigna e linfatica, ed alla tensione che ad esso si imprime. In base a quest’ultimo parametro, avremo due tipi di azione:

  • Compressiva, con funzione di stabilizzazione capsulo/legamentosa ed articolare, e di facilitazione di un muscolo ipotonico
  • Decompressiva, fondamentale per la gestione di edemi ed ematomi, e per ridurre la tensione muscolare.

In entrambi i casi, il nastro, insieme ai movimenti del corpo, stimola i recettori degli strati cutanei e settocutanei, che inviano a loro volta informazioni al SNC (sistema nervoso centrale), il quale produrrà una risposta muscolare riflessa.

Principali indicazioni terapeutiche:

  • Edemi ed ematomi
  • Contratture muscolari
  • Stiramenti e lesioni muscolari
  • Facilitazione muscoli ipotonici e deficitari
  • Distorsioni
  • Contusioni
  • Tendinopatie
  • Problematiche fasciali
  • Prevenzione instabilità capsulo/legamentosa
  • Ballottamento Rotuleo
  • Instabilità articolare
  • Epicondiliti/ Epitrocleiti
  • Mantenimento risultati terapeutici